App per videochiamate gratuite: quale scegliere
20 Marzo 2020

App per videochiamate gratuite: quale scegliere

In questi giorni di reclusione ci stiamo arrabattando un po’ tutti per riuscire a restare in contatto con i colleghi, i professori, la zia che vive da sola in paese e non ci vede da tre settimane. Tra un “ma tu ce l’hai ancora Skype?” e un “non ho ancora capito come funziona Zoom”, abbiamo pensato a questa piccola guida in cui presentiamo le app per videochiamate più utilizzate e ti spieghiamo rapidamente per quali esigenze sono pensate.

Anche se sei un veterano delle videochiamate e delle videoconferenze, potresti non sapere che molte piattaforme hanno messo a disposizione i servizi che di solito riservano alle aziende, come i pacchetti a pagamento, anche per i privati.

Ecco le principali app per le videochiamate che puoi usare per passare questa quarantena in compagnia (virtuale).

Skype: il grande classico delle videochiamate

Skype è talmente diffuso che ormai è sinonimo di videochiamata. Secondo molti, è proprio questa la migliore piattaforma per le videochiamate, anche perché può essere utilizzato anche per le chiamate audio, per inviare file, come chat o per la condivisione dello schermo.

Ecco in breve le caratteristiche di Skype:

  • regge fino a 50 partecipanti (in teoria)
  • funziona da App sullo smartphone, sul computer, oppure anche da browser (cioè senza scaricare il programma)
  • si possono registrare le conversazioni per chi non è presente.

Le app di Google

Google offre ben tre piattaforme diverse per le videochiamate: Duo, Hangouts Chat e Hangouts Meet. Una precisazione importante: tutte le app di Google funzionano meglio con Chrome, specie se avete una versione vecchia degli altri browser. La ragione è semplice: anche Chrome è fatto da Google.

Google Duo

Google Duo è l’app pensata per i privati, e infatti regge solo un numero limitato di partecipanti per ogni conversazione: il grande vantaggio però è che ha una qualità audio e video molto alta. Ecco come funziona Google Duo:

  • regge fino a 8 partecipanti
  • funziona con l’app su smartphone, oppure da browser
  • funziona solo tra account Google

Google Hangouts Chat

Hangouts Chat è in dotazione con qualsiasi account Google. Uno dei vantaggi di Hangouts Chat è che non è necessario avere un account Google per accedervi: infatti, basta che qualcun altro che ce l’ha ti inviti.

In sostanza, ecco le caratteristiche di Google Hangouts Chat:

  • regge fino a 25 partecipanti
  • se usata da computer, si può chattare e condividere lo schermo
  • è in dotazione con account Google, ma possono essere invitati anche altri account.

Google Hangouts Meet

Meet è la funzione pensata appositamente per le riunioni aziendali, e infatti è parte del pacchetto G Suite. In realtà però possono accedere anche altri account, a patto che siano invitati da qualcuno interno alla G Suite: basta dare un nome (nickname) alla “stanza” virtuale in cui si svolge la riunione, e tutti quelli che lo inseriranno si troveranno nella stessa videochiamata di gruppo.

In occasione dell’emergenza del Coronavirus, Google ha reso disponibili alcune funzioni avanzate di Meet (che prima erano riservate ai clienti Enterprise) per tutti gli account G Suite. In sintesi, ecco cosa puoi fare con Meet:

  • regge fino a 250 partecipanti (in teoria)
  • in streaming, regge fino a 100 mila partecipanti
  • la registrazione delle riunioni può essere salvata in Google Drive.

Le app di Facebook

Ovviamente anche Facebook offre la possibilità di fare videochiamate tramite i tre colossi social che possiede: Facebook Messenger, Instagram e Whatsapp. Per la verità, la qualità video e audio non è molto alta. Il vantaggio però in questo caso è che tantissimi hanno già un account su almeno una di queste piattaforme, come abbiamo visto nel nostro articolo sui numeri del digitale in Italia. Vediamo in breve come funzionano.

Facebook Messenger

  • sia da smartphone, che da tablet, che da computer
  • regge fino a 6 partecipanti in contemporanea in video, fino a 50 solo con l’audio
  • su smartphone e tablet si possono utilizzare i filtri

Instagram

  • regge fino a 4 persone
  • funziona solo da smartphone e tablet
  • si possono utilizzare i filtri

Whatsapp

  • regge fino a 4 partecipanti
  • funziona solo da smartphone
  • è molto semplice da usare: l’icona è accanto al nome del contatto nella chat

Facetime

Facetime è l’app per videochiamare in dotazione a tutti i sistemi iOS e MacOs ma non funziona con altri tipo di sistema operativo: in sostanza, è un’esclusiva di chi usa i dispositivi Apple. Tenete presente che per le chiamate di gruppo sui dispositivi mobili serve una versione di iOS 12.1 o successiva.

Il succo della questione:

  • regge fino a 32 partecipanti
  • funziona solo tra dispositivi Apple (computer, iPad, iPhone)
  • le immagini sono molto nitide

Zoom

Zoom al momento sembra essere la migliore piattaforma per le riunioni online (almeno, secondo il New York Times). Si può scaricare su qualsiasi dispositivo, oppure semplicemente usare sul browser del computer. Zoom è un servizio a pagamento, che però mette a disposizione gratuitamente una versione “basic”, cioè con delle funzionalità limitate.

In sintesi, come funziona Zoom Basic (gratuito):

  • regge fino a 100 partecipanti
  • è gratis per i primi 40 minuti, poi bisogna ripartire con una nuova conversazione (o acquistare il pacchetto a pagamento)
  • funziona su qualsiasi dispositivo, basta avere il link o il codice per accedere.

Microsoft Team

Vista la crisi generata dal Coronavirus, Microsoft ha deciso di mettere a disposizione gratis per sei mesi il pacchetto Office 365 E1: in soldoni, ha reso gratuite delle funzioni di Team che prima erano a pagamento, ad esempio aumentando lo spazio di archiviazione disponibile fino a un terabyte.

Come funziona Microsoft Team:

  • supporta fino a 300 partecipanti (in teoria)
  • offre anche uno spazio di archiviazione
  • funziona tramite app per qualsiasi dispositivo, ma anche su browser.

Houseparty

Se vi serve un’app per videochiamata non per lavoro ma per combattere la noia da quarantena, una delle più divertenti è Houseparty. Chiunque può partecipare (a patto che sia stato invitato) e vedere le videochiamate già attive a cui si può aggiungere, oppure contattare una singola persona. Ecco come funziona:

  • ogni volta che qualcuno degli amici entra nell’app arriva una notifica
  • puoi vedere se gli amici sono giĂ  in una “stanza” con altre persone
  • si possono fare dei giochi a distanza, come Trivial.

Se hai bisogno di noi in questi giorni, sappi che siamo super attrezzati per le videochiamate: mandaci un messaggio e ne fisseremo una. Fatti sentire!

Web Identity

7 domande da porti prima di fare (o rifare) il tuo sito web

Lo scopo della nostra guida eĚ€ aiutarti a fare mente locale sui principali punti da tenere presenti mentre pensi se vuoi un sito e come lo vuoi. In questo modo potrai anche farti capire meglio dall’agenzia alla quale ti rivolgerai per realizzarlo, evitando di dover richiedere mille modifiche o – peggio ancora – che il risultato finale non ti soddisfi.

Ditemi di piĂą

Dal nostro blog

psicologia colori marketing
17 Settembre 2020

L’importanza dei colori nel marketing

La psicologia dei colori è un’arma molto potente, che agisce sul nostro subconscio: i colori infatti attivano aree diverse del nostro cervello e ve...

Vai all'articolo
Buyer Personas: cosa sono e perché crearle
25 Agosto 2020

Buyer Personas: cosa sono e perché crearle

A volte siamo così presi dall’idea che il marketing sia tutto percentuali e statistiche che ci dimentichiamo che parliamo a persone vere: le buyer ...

Vai all'articolo
12 Agosto 2020

Robert Cialdini e le armi della persuasione nel marketing

Marketing e psicologia sono legati a doppio filo, e lo dimostrano chiaramente le sei armi della persuasione di Robert Cialdini: sono delle leve psicol...

Vai all'articolo