Come fare un sito internet
15 Gennaio 2020

Come fare un sito internet

Prendi della colla vinilica, del nastro biadesivo e delle forbici dalla punta arrotondata: rimettili nel cassetto, prendi il computer e cerca il nome di una buona agenzia.
Oggi vogliamo parlare del quarto mistero di Fatima, ovvero come si fa a costruire un sito web, che professionisti servono e che lavoro ci sta dietro. Ma soprattutto, perché dovresti farlo fare ad un’agenzia?

La risposta non è particolarmente originale: è tutta una questione di competenze. Perché paghiamo un imbianchino, un muratore, un giardiniere?

Perché conoscono il proprio mestiere.
Perché noi, invece, non lo conosciamo abbastanza.

Perché rischiamo che il muro pitturato da noi abbia le striature.
Perché finisce che le mattonelle le mettiamo storte.
Perché la pianta potata male si ammala.

Perché con un sito web dovrebbe essere diverso?

Infatti non lo è, con buona pace di chi predica che per fare un sito web servono solo dieci minuti e un pollice opponibile per muovere il mouse. La verità è che servono settimane di lavoro e la collaborazione di diversi professionisti, e questo spiega perché non possa essere fatto gratis o quasi.

Oggi abbiamo deciso di dissipare quell’alone di mistero che circonda il nostro lavoro, e spiegare passo passo come si fa a realizzare un sito web e cosa paghi quando ti affidi a un’agenzia.

Fase 1

Progettazione

Come qualsiasi altro lavoro, un sito web non può prescindere da un’accurata progettazione. Anzitutto, è importante aver chiaro il perché stiamo realizzando un sito, quali sono gli obiettivi e come si colloca nel piano marketing dell’azienda.

In questa fase è fondamentale che l’agenzia e l’azienda lavorino insieme e si ascoltino, e perché questo accada bisogna parlare la stessa lingua: se può aiutarti, dai un’occhiata al nostro glossario di web marketing.

In questo primo step decideremo insieme cosa vogliamo che l’utente faccia sul nostro sito, le sezioni che saranno presenti, il pubblico al quale ci rivolgiamo, lo stile da adottare: in sostanza, metteremo a punto una strategia. Inoltre, va deciso il nome del sito, in modo da poter acquistare il dominio relativo.

Questa prima fase darà come risultato un documento riassuntivo che contenga le linee guida della strategia e il wireframe (ovvero il “bozzetto” della struttura del sito).

Come fare un sito internet

Fase 2

Produzione delle grafiche

Una volta definita una strategia comune, si passa alla produzione concreta del sito. Si parte dalla realizzazione delle grafiche, ovvero dell’aspetto che avrà il sito una volta messo online. Poiché il sito deve essere parte integrante del progetto di marketing aziendale, il grafico dovrà lavorare partendo dai materiali che già ci sono per definire la web identity: la grafica del sito deve essere coerente con il logo e tutto il materiale “marchiato” dell’azienda per ottenere un’immagine coordinata.

Le grafiche, riempite con dei testi provvisori, vengono presentate e (si spera) approvate: a questo punto si può procedere con lo sviluppo, ovvero la costruzione del sito web, e con la scrittura dei testi definitivi. Da questo momento in poi non si può più modificare la struttura e l’aspetto del sito.

Le informazioni relative alla realizzazione grafica del sito, come i colori e lo stile dei caratteri utilizzati, verranno raccolte in un documento da consegnare all’azienda alla conclusione del progetto.

Fase 3

Testi e traduzioni

Di pari passo con il lavoro del grafico, il copywriter provvede a scrivere tutti i testi che sono necessari per il sito internet, come titoli, menù, descrizioni, articoli di blog, schede prodotto.  Tutti gli elementi devono essere coerenti con le linee guida della strategia definite durante la fase di progettazione.

Quando i testi sono stati approvati, il traduttore procederà a tradurli nelle altre lingue in cui sarà disponibile il sito.

Fase 4

Sviluppo

Dopo che le grafiche sono state approvate e i testi sono pronti, ha inizio la fase di sviluppo, alla quale partecipano lo sviluppatore e il programmatore. È il momento in cui si arriva davvero al dunque, e il progetto del sito diventa realtà grazie a stringhe di codice. Quante più sono le pagine e le funzioni del sito, tanto più complessa sarà questa fase, e quindi richiederà anche dei tempi di lavorazione più lunghi.

Una volta realizzato il sito, viene testata la sua funzionalità: dopo aver corretto eventuali errori, la struttura è pronta per essere popolata con i contenuti (ovvero i testi, le immagini o i video). A questo punto, il sito web dell’azienda è pronto per essere messo online, e viene quindi consegnato all’azienda.

Fase 5

Promozione

Quando il sito è online, bisogna fare in modo che gli utenti lo visitino. Grazie alle ricerche su Google, alla newsletter, ai post sui social o agli annunci a pagamento possiamo pubblicizzare il sito con i vecchi clienti e con quelli futuri.

In sostanza

Questo è quello in cui investi quando decidi di affidarti a un’agenzia: settimane di lavoro di professionisti qualificati. Il risultato è un sito funzionante, con una grafica che rispecchia l’immagine dell’azienda, con dei testi che parlano davvero di te, e pensato per degli obiettivi di marketing concreti.

Se vuoi sapere di più su di noi e sul nostro lavoro, dai un’occhiata ai siti che abbiamo realizzato, oppure passa a trovarci in ufficio per un caffè.

Iscriviti alla newsletter

Dal nostro blog

Glossario di web marketing
25 Marzo 2020

Galateo delle app per le videochiamate di gruppo

Che tu debba tenere una lezione online, partecipare a una riunione di lavoro, o che ti sia capitata in sorte una tristissima laurea online, ecco le re...

Vai all'articolo
Content marketing: cos’è e come può aiutarti
20 Marzo 2020

App per videochiamate gratuite: quale scegliere

In queste settimane ci stiamo riscoprendo tutti digitali, per forza o per amore. Se anche tu devi fare una riunione con i colleghi, vuoi sentire i tuo...

Vai all'articolo
I social network più famosi e come funzionano
16 Marzo 2020

12 risposte sul digitale in Italia

In questi giorni ci siamo trovati tutti a fare i conti con una domanda: quanto è digitale l’Italia nel 2020? Siccome ci piace parlare (e scrivere) ...

Vai all'articolo